Salta al contenuto principale

Fino a toccare il cielo: Il Free Climbing - Parte 3

Umberto Silvestri chiude questa serie di articoli con un breve confronto tra alpinismo e arrampicata sportiva.

Parte 2 / 3
Free Climbing

La differenza fondamentale tra” arrampicata sportiva”  e alpinismo sta soprattutto nel fatto che per quest’ultimo lo scopo è il raggiungimento di una vetta, della “fine” della montagna, durante il quale  le difficoltà che s’incontrano nell’ascensione  possono essere molteplici, varie e impreviste e vanno dalle condizioni fisico-ambientali e metereologiche, all’altitudine, alla presenza di ghiaccio e neve, all’esposizione alle intemperie e alle variazioni del tempo, fino alla lontananza dai luoghi abitati, alla durata dello sforzo, ai dislivelli, alla rarefazione dell’aria. Tutto ciò comporta  ovviamente un’adeguata preparazione fisica,  ma anche una seria conoscenza dell’ambiente montano e la programmazione dello sforzo, che deve essere durevole e   di tipo aerobico-continuativo.

Palestra di arrampicata
Palestra di arrampicata

Nel “free climbing” invece, quelle condizioni si attenuano o spariscono del tutto, mentre  bisogna portare ai massimi livelli l’allenamento fisico e tecnico specifico e quindi la preparazione sistematica, soprattutto in palestra,  in modo che la forza muscolare sia massimale e resistente principalmente  sugli arti superiori; va inoltre approfondito  lo studio delle tecniche e la conoscenza  delle dinamiche di una parte del corpo umano per  vincere  le maggiori difficoltà (pareti strapiombanti, scarsità di appigli e appoggi, …) che si vanno ad affrontare o addirittura a cercare. Insomma, in quest’ultimo caso  non si ricerca la via più facile per raggiungere la cima che diventa il traguardo,  ma quella più difficile, tecnicamente più complessa e atleticamente più divertente per arrivare a un obiettivo. Due appprocci diversi alla roccia che oggi (anche con l’esplosione e la nascita di decine e decine di palestre con pareti artificiali) possono definirsi due sport diversi, ancora complementari forse, dato che la grande progressione delle difficoltà superate in falesia ha contribuito a far innalzare di molto anche il livello di difficoltà delle salite in ambiente alpino, ma destinati a separarsi ulteriormente.

 

Chris Sharma
Chris Sharma
Dal Web

Due figli nati dalla stessa madre/padre/passione per la scoperta, per la conoscenza e l’avventura, ma che hanno trovato ognuno una propria  “via” per affrontare il futuro in autonomia e libertà, che sarà  lungo e con molta probabilità ancora pieno di sorprese.

Parte 2 / 3

Commenta

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.