Due righe su Sergio Brun

Sergio Brun su GASF I
A Pale, sulla GASF I, prima via sportiva dell'Umbria
Carmela Malomo

Nato nel 1949, già nei primi anni ’60 trascorrevo le vacanze nei campi estivi dei Salesiani sui Monti Sibillini. Nel 1975 li “riscopro” di nuovo percorrendoli per sentieri e creste con tenda e sacco a pelo in trekking solitari di più giorni, acquisendo conoscenze ed esperienze.

Dall’estate del 1979 , con un amico speleologo inizio ad aprire le prime vie a Pale, dal basso, con  staffe e scarponi. Poco dopo si noterà un progressivo e veloce aumento dei frequentatori di Pale e l’apertura di vie sempre più difficili.

Sergio Brun, diretta alla Cima del Lago
In solitaria sui Monti Sibillini,
sulla diretta a Cima del Lago

Con lo sguardo sempre volto alla Montagna, ho effettuato  numerose salite classiche e moderne sulle Alpi Occidentali, su roccia al Gran Sasso, Dolomiti e Monti Sibillini. Su questi ultimi ho aperto la via “Samarcanda” alla Nord del Bove ed effettuato la prima invernale dello Spigolo dell’Orso alla est del Vettore, oltre alle salite di quasi tutti i tracciati di canali e pareti su neve e cascate di ghiaccio.

Sergio Brun a Pizzo del Diavolo
Sul Canalone NW di Pizzo del Diavolo,
nei Monti Sibillini

Da oltre 30 anni, inoltre, mi dedico alla corsa in montagna e ho salito, correndo, molte delle cime e creste dell’appennino umbro – marchigiano (Monti Sibillini e Monti della Laga) e del Gran Sasso.

Nei primi anni ‘80 ho rifondato la sez. del CAI di Foligno.

Dal 2007 ho iniziato la rispittatura e la messa in sicurezza della falesia di Pale con fix e placchette inox.

Nel 2008 ho ideato e promosso la costruzione del muro di arrampicata UISP presso la palestra comunale di via N. Sauro, dove attualmente svolgo l’attività di Istruttore di Arrampicata sportiva.