Alpinismo https://climbingspotfactory.com/it it Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne https://climbingspotfactory.com/it/article/gianluca.dibenedetto/gran-sasso-strutture-intermesoli-torre-john-wayne <span>Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Sab, 11/28/2020 - 14:29</span> <div> <img src="/sites/default/files/2020-11/00JohnWayneNTRS2_thumb.jpeg" width="50" height="50" alt="Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne" title="Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Parco del Gran Sasso - Strutture di Intermesoli: sul lungo diedro della Torre John Wayne, 170m, 5 lunghezze, protetta a spit, con soste attrezzate.</p> <p>Aperta da Bruno Moretti, Marco Zitti, Roberto Ferrante e Bruno Vitale nel 2003.</p> <p>Arrivederci Roberto. </p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2020-11/00JohnWayneNTRS2_1600.jpeg" width="1600" height="1200" alt="Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/shots" hreflang="it">Scatti</a> </li> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/gianluca.dibenedetto" hreflang="it">Gianluca Di Benedetto</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Sulla Torre John Wayne<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ar. Gianluca Di Benedetto </div> </div> <div>Teramo</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1602&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="JZuWQ6G_i7ZBL21u-ldKhHfHimAe6z4F43iRO8HWN1Q"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Climbing Spot Tags</div> <div> <div><a href="/it/climbing-spot/gran_sasso/articles" hreflang="it">Gran Sasso: Articoli e Foto</a></div> </div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/gianluca.dibenedetto" hreflang="it">Articoli di Gianluca Di Benedetto</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>51</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/gianluca.dibenedetto/gran-sasso-strutture-intermesoli-torre-john-wayne" data-a2a-title="Strutture di Intermesoli: Torre John Wayne"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fgianluca.dibenedetto%2Fgran-sasso-strutture-intermesoli-torre-john-wayne&amp;title=Strutture%20di%20Intermesoli%3A%20Torre%20John%20Wayne"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Sat, 28 Nov 2020 14:29:13 +0000 admin 1602 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/gianluca.dibenedetto/gran-sasso-strutture-intermesoli-torre-john-wayne#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/gianluca.dibenedetto/gran-sasso-strutture-intermesoli-torre-john-wayne#comments Capo Cozzo Crag, Northern Crag https://climbingspotfactory.com/en/article/andrew.rigney/capo-cozzo-crag-northern-crag <span>Capo Cozzo Crag, Parete Nord</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Gio, 10/15/2020 - 20:33</span> <div> <img src="/sites/default/files/2020-10/Capture.PNG" width="50" height="30" alt="The Northern Crag of Capo Cozzo Crag" title="Northern Crag, Capo Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Relazioni delle prima salite della parete Nord di <strong>Capo Cozzo Crag</strong>,  in Calabria.</p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2020-10/Rock%20of%20the%20Lion.jpg" width="800" height="800" alt="&quot;Scoglio del Leone&quot; of &quot;Rock of the Lion&quot;" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><div style="font-size: 1.5em; line-height: 1.4;"> <p>Nei giorni seguenti le prime salite sulla parete Sud di Capo Cozzo, abbiamo puntato la nostra attenzione sulle possibili vie di salita della parete Nord.</p> <p>La parete Nord era esattamente dietro la superficie rocciosa della quale ho parlato nell'articolo precedente, però ha un accesso completamente differente da quello della parete Sud.</p> <p>Infatti le due pareti si raggiungono a piedi da due diversi punti, anche se, volendo, si può passare da una all'altra con un salto tra rocce, oppure facendo un divertente traverso in Deep Water Solo attorno alla base del roccione chiamato Scoglio del Leone.</p> </div> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/tales" hreflang="it">Racconti</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/andrew.rigney" hreflang="it">Andrew Rigney</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Scoglio del Leone<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney </div> </div> <div>Calabria</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1574&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="WTqMP7yokWH2Loy8eCViwHJ350gCuibHFgF0O3xSYIE"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2020-10/Northern%20Crag%20Routes.png" width="825" height="500" alt="Routes established on the Northern Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Immagine 2</div> <div> <img src="/sites/default/files/2020-10/IMG_20190626_112603_7_0.jpg" width="900" height="1200" alt="Andrew Rigney e Shay Rigney mentre scalano a Capo Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><div style="font-size: 1.1em; line-height: 1,1;"> <p>1. <strong>Pinball Wizard (HVS / V+)</strong></p> <p>Questa via, il cui nome deriva dal suo andamento avanti e indicator, a zig-zag,  è un mix di prese relativamente grandi che si mescolano con una varietà di buchetti  and qualche tacca longo uno o due piccoli canali che attraversano la parete. </p> <p>2. <strong>The Don Wall (E1 / 6a)</strong></p> <p>Questa via richiede tanto lavoro di piedi e dita forti. Le prese buone sono per lo più tacche lungo dei piccoli canali che salgono diagonalmente da sinistra verso destra. Una sottile cengia erbosa proveniente da "Pinball Wizard" offre un piccolo riposo a due terzi della salita, prima di un certo numero di pinzate e di una maniglia di medie dimensioni sulla sinistra, che porta all'uscita della via.</p> </div> </div> </div> <div> <div>Parte 2</div> <div><div style="font-size: 1.1em; line-height: 1,1;"> <p>3.<strong> Hahn's Solo (S / IV)</strong></p> <p>Il grado piuttosto basso di questa via è dovuto alla presenza di grosse e solide prese nella parte più alta. Una salita bella e semplice, con una cengia in alto, prima della fine, che richiede un po' di studio e di lavoro di piedi per raggiumngere il top. Il nome della via è un omaggio sia al mio mentore di sport outdooe Kurt Hahn che al mio amore per Gguerre Stellari.</p> <p>4. <strong>Lion's Mane ( HS / IV+)</strong></p> <p>Questa via inizia con un traverso godibile dalla base della parete principale fino allo Scoglio del Leone. Poi la via comincia a salire lungo la schiena del "Leone", e poi di lato sulla sua criniera, fino ad arrivare in cima alla sua testa. Prese decenti lungo tutta la salita, però fate attenzione a non danneggiare il "Leone di roccia", tanto amato dai locali.</p> </div> </div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>Vie aperte sulla parete Nord<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>Climbers Andrew &amp; Shay Rigney<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney</div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/andrew.rigney" hreflang="it">Articoli di Andrew Rigney</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>51</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/andrew.rigney/capo-cozzo-crag-northern-crag" data-a2a-title="Capo Cozzo Crag, Parete Nord"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fandrew.rigney%2Fcapo-cozzo-crag-northern-crag&amp;title=Capo%20Cozzo%20Crag%2C%20Parete%20Nord"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Thu, 01 Oct 2020 16:55:01 +0000 andrew.rigney 1574 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/andrew.rigney/capo-cozzo-crag-northern-crag#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/andrew.rigney/capo-cozzo-crag-northern-crag#comments Capo Cozzo Crag, Southern Crag https://climbingspotfactory.com/en/article/Andrew.rigney/calabria-capo-cozzo-southern-crag <span>Capo Cozzo Crag, Southern Crag</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Mar, 09/29/2020 - 20:16</span> <div> <img src="/sites/default/files/2020-09/Southern%20Crag%20Base.png" width="47" height="50" alt="Capo Cozzo, Southern Crag" title="Southern Crag, Capo Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Relazione delle vie sulla parete Sud di <strong>Capo Cozzo Crag.</strong></p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2020-09/Southern%20Crag%20Base_0.png" width="706" height="751" alt="Southern Crag, Capo Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><div style="font-size: 1.5em; line-height: 1,4;"> <p>Durante l'estate del 2019, finalmente ho avuto la fortuna di scalare due pareti della Calabria, in Italia, che stavo tenendo d'occhio da tempo.</p> <p>Queste due pareti sono I lati opposti di uno sperone roccioso al quale ho dato il nome di "<strong>Capo Cozzo Crag</strong>".</p> <p>Di seguito riporto alcune informazioni sulle vie che ho aperto sulla "<strong>Southern Crag</strong>" di Capo Cozzo. </p> <p>Tutte queste vie sono state tracciate su roccia relativamente friabile, usando pochissimo materiale, e perciò spero di ritornare lì con più attrezzatura e qualche assicuratore, in modo da attrezzare meglio queste vie, e anche di aprirne delle altre.</p> </div> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/andrew.rigney" hreflang="it">Andrew Rigney</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Southern Crag<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney </div> </div> <div>Dublin</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1565&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="_LkPdNykuOv8Y2TvsIMIOb7eM2N1BE0W_eTHFYfv1_8"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2020-09/Southern%20Crag%20Routes%20numbered_1.png" width="470" height="500" alt="Southern Crag, Capo Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Immagine 2</div> <div> <img src="/sites/default/files/2020-09/Southern%20Crag%20Routes%20numbered_2.png" width="706" height="751" alt="Southern Crag, Cap Cozzo Crag" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><div style="font-size: 1.5em; line-height: 1,4;"> <p> 1. <strong>Bolt the Ghost</strong> (S / IV)</p> <p>Parte alla sinistra dell'arco.  Segue la fessura ovvia andando quasi dritto, Follow the obvious fissure almost straight upwards, con facile arrampicata. Le difficoltà poi diventano leggermente superiori a metà via. Affronta la parete del corpo principale dello sperone roccioso sulla destra. Qualche "mano &amp; ginocchio" per superare alcune sezioni aggettanti. La via termina sopra la sezione aggettante a forma di nocca.</p> <p> </p> <p>2. <strong>Hexual Tension</strong> (VS / V)</p> <p>Partenza sulla parte bassa della parete che arriva all'arco. Prosegue risalendo la fessura più grande, seguendone la linea e deviando a sinistra in alto. Qualche scalatore eccentrico probabilmente potrebbe apprezzare alcune fessure più large lungo la via. Quando la vegetazione diventa più fitta, superare la pancia sulla parte sinistra, e uscire leggermente a sinistra del centro dell'arco.</p> </div> </div> </div> <div> <div>Parte 2</div> <div><div style="font-size: 1.5em; line-height: 1,4;"> <p>3. <strong>Jungle Cats</strong> (HS / IV+)</p> <p>Parte in comune con “Hexual Tension”, e poi continua sulla destra, girando attorno al piccolo spigolo, per poi seguire la fessura principale dell parete. Giunti al tratto sporgente, andare dritto, girando attorno a una leggera pancia, e poi traversare a destra andando a finire nel diedro.</p> <p> </p> <p>4. <strong>Rubble Maker</strong> (S / IV)</p> <p>Partenza in placca sulla destra del ghiaione e dei detriti. Poi andare a sinistra  seguendo una linea quasi a “S”. L'uscita è a sinistra, sopra il cespuglio vicino alla cima dell'arco.</p> <p> </p> <p>5. <strong>Tequila Mockingbird</strong> (HS / IV+)</p> <p>Partenza sulla parete a destra dell'arco. Poi si risale lo spigolo con un gran lavoro di piedi e di dita su piccole fessure. Proprio sopra la fessura principale di  “Hexual Tension”, obliqua sulla destra. Una volta superata la parte ricoperta da vegetazione, uscire tra le due macchie di cactus [agave o pochi d'indi, n.d.t.] sulla destra.</p> </div> </div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>Southern Crag Routes<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>Southern Crag Routes<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> A.Rigney</div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/andrew.rigney" hreflang="it">Articoli di Andrew Rigney</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>50</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/Andrew.rigney/calabria-capo-cozzo-southern-crag" data-a2a-title="Capo Cozzo Crag, Southern Crag"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2FAndrew.rigney%2Fcalabria-capo-cozzo-southern-crag&amp;title=Capo%20Cozzo%20Crag%2C%20Southern%20Crag"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Tue, 29 Sep 2020 10:02:34 +0000 andrew.rigney 1565 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/Andrew.rigney/calabria-capo-cozzo-southern-crag#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/Andrew.rigney/calabria-capo-cozzo-southern-crag#comments Dolomiti - Le Torri del Sella https://climbingspotfactory.com/it/article/etienne.bernard/dolomiti-le-torri-del-sella <span>Dolomiti - Le Torri del Sella</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Gio, 07/02/2020 - 17:48</span> <div> <img src="/sites/default/files/2020-07/00_Torri_del_Sella_e_PordoiThumb.jpg" width="50" height="50" alt="Dolomiti - Le Torri del Sella" title="Dolomiti - Le Torri del Sella" typeof="foaf:Image" /> </div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2020-07/00_Torri_del_Sella_e_Pordoi600.jpg" width="600" height="400" alt="Le Torri del Sella e il Pordoi" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><div style="font-size: 1.3em; line-height: 1.5;"> <p>Le cinque <strong>Torri del Sella</strong>, sono uno degli elementi più caratteristici di quel gruppo montuoso.</p> <p>Con il loro profilo elegante si identificano facilmente all'estrema destra del Gruppo del Sella, guardando dalla Città dei Sassi.</p> <p>La Prima Torre, alta 2533m, é quella più a destra; andando verso sinistra, poi, si distinguono la Seconda (2598 metri), la Terza (2696 metri, la più alta), la Quarta (2605 metri),  e infine la Quinta (2500 metri). A destra della Prima Torre, in foto, si riesce anche a vedere una struttura rocciosa bassa, detta Locomotiva, che completa lo skyline del gruppo.</p> <p>Queste strutture rocciose offrono vie di tutte le difficoltà e con tutte le esposizioni, con avvicinamenti brevi e abbastanza comodi. </p> <p>La roccia è quasi ovunque ottima, e in molti tratti generosa di appigli e appoggi, e perciò le Torri furono scalate per la prima volta tra la fine dell'800 e gli inizi del '900. </p> <p>Le prime due, più precisamente, nel 1899, e la altre nel primo decennio del '900.</p> </div> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/etienne.bernard" hreflang="it">Ètienne Bernard</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Le Torri del Sella e il Pordoi<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Emiliano Della Bella </div> </div> <div>Campitello</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <h3><i class="fa fa-comments"></i>Commenti</h3> <article data-comment-user-id="0" id="comment-147" about="/it/comment/147" typeof="schema:Comment"> <div class="comment"> <div class="comment-block"> <div class="comment-arrow"></div> <div class="comment-by"> <strong><span><span rel="schema:author"><span lang="" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">Emiliano Ardigo &#039; (non verificato)</span></span> </span></strong> <span class="pull-right"> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderLinks" arguments="0=147&amp;1=default&amp;2=it&amp;3=" token="aAxcz6Y_EYCqzna73vmrxIAxdXzEODHJDMVbfWB11ck"></drupal-render-placeholder> </span> </div> <div class="comment-content"> <div property="schema:text"><p>Tutte bellissime, nel mio piccolo io ho fatto la via delle Guide alla prima, con salita alla Seconda sulla fessura Demetz. La parte bassa della Vinatzer con proseguimento alla Jah alla Terza</p> </div> </div> <div class="comment-date"> <span class="date pull-right">Ven, 07/03/2020 - 15:48 <span property="schema:dateCreated" content="2020-07-03T15:48:58+00:00" class="hidden"></span> </span> </div> </div> </div> <div class="indented"> <article data-comment-user-id="1" id="comment-148" about="/it/comment/148" typeof="schema:Comment"> <div class="comment"> <div class="comment-block"> <div class="comment-arrow"></div> <div class="comment-by"> <strong><span><span rel="schema:author"><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> </span></strong> <span class="pull-right"> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderLinks" arguments="0=148&amp;1=default&amp;2=it&amp;3=" token="CGpX0nhvdpkX_exOZCYPo7tugayROPqQpjz3uKI2Y_w"></drupal-render-placeholder> </span> </div> <div class="comment-content"> <div property="schema:text"><p>Complimenti!</p></div> </div> <div class="comment-date"> <span class="date pull-right">Sab, 07/04/2020 - 08:03 <span property="schema:dateCreated" content="2020-07-04T08:03:17+00:00" class="hidden"></span> </span> </div> </div> </div> <p class="visually-hidden">In risposta a <a href="/it/comment/147#comment-147" class="permalink" rel="bookmark" hreflang="it">Tutte bellissime, nel mio…</a> di <span lang="" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">Emiliano Ardigo &#039; (non verificato)</span></p> </div> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1524&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="rSdHE6Z4BNMW4p18FG7LRnBzff9ObXUKS9b0RSKoPO0"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2020-07/01TorridelSella_600.JPG" width="375" height="500" alt="Prima e Seconda Torre del Sella" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><div style="font-size: 1.4em; line-height: 1.5;"> <p>Tra le vie classiche della prima torre, di difficoltà contenuta e su ottima roccia io consiglio spesso il bel diedro della <strong>Trenker</strong>, (L. Trenker e H. Pecosta,  1913), esposto a Sud Ovest, (e quindi rivolto verso la Val Gardena), oppure lo spigolo<strong> Steger</strong>, (H. Steger e E. Holzner, 1928, prob. Don Tita Soraruf 1927), esposto ad Ovest (quindi rivolto verso la Val di Fassa).</p> <p>Se si è abbastanza veloci, poi dalla Prima Torre si scende per la Normale fino all'intaglio che la separa dalla Seconda, e da lì si può salire anche sulla seconda, sempre rimanendo su difficoltà contenute e roccia ottima.</p> <p>La vista dalla cima delle Torri è entusiasmante: Da una parte si vede la Val Gardena, con la città dei Sassi, Il Sassolungo e le Cinque Dita, dall'altra si vede la Val di Fassa, con il Piz Ciavazes  e il Pordoi. </p> <p>E non dimenticate di firmare il libro di vetta, una volta in cima. Ce n'è uno per Torre!</p> <figure role="group" class="align-center"> <img alt="Immagine rimossa." data-entity-type="" data-entity-uuid="" src="/core/misc/icons/e32700/error.svg" title="L'immagine è stata rimossa. Per motivi di sicurezza, sono consentite solo le immagini dal dominio locale." height="16" width="16" class="filter-image-invalid" /> <figcaption>Vista sulla Val Gardena dalla Seconda Torre del Sella: Città dei Sassi, Sassolungo, Cinque Dita</figcaption> </figure> <p> </p> </div> </div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>La Prima e la Seconda Torre del Sella<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Carmela Malomo</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Works Tags Reference</div> <div><a href="/it/etienne.bernard/classes" hreflang="it">Ètienne Bernard: Classi e Allievi</a></div> </div> <div> <div>Position</div> <div>48</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/etienne.bernard/dolomiti-le-torri-del-sella" data-a2a-title="Dolomiti - Le Torri del Sella"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fetienne.bernard%2Fdolomiti-le-torri-del-sella&amp;title=Dolomiti%20-%20Le%20Torri%20del%20Sella"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Thu, 02 Jul 2020 17:48:59 +0000 admin 1524 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/etienne.bernard/dolomiti-le-torri-del-sella#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/etienne.bernard/dolomiti-le-torri-del-sella#comments La mappa dei Rifugi: Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino https://climbingspotfactory.com/it/article/fiorangela.bellotti/mappa-dei-rifugi-il-duca-degli-abruzzi-e-il-nostro-primo-puntino <span>La mappa dei Rifugi: Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Dom, 04/26/2020 - 21:53</span> <div> <img src="/sites/default/files/2020-04/00DucaDaCampopericoliSullaCrestaThumb.JPG" width="50" height="50" alt="Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino sulla mappa dei rifugi" title="Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino sulla mappa dei rifugi" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Con il <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/climbadvisor/rifugio-duca-degli-abruzzi-gran-sasso">Duca degli Abruzzi</a> metto il primo puntino sulla <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/huts">Mappa digitale dei Rifugi</a> di Climbing Spot Factory.</p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2020-04/00DucaDaCampopericoliSullaCresta1200.JPG" width="1200" height="1600" alt="Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino sulla mappa dei rifugi" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/sportclimbing" hreflang="it">Sport Climbing</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/fiorangela.bellotti" hreflang="it">Fiorangela Bellotti</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Il Rifugio <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/climbadvisor/rifugio-duca-degli-abruzzi-gran-sasso">Duca degli Abruzzi</a> da Campo Pericoli<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Maurizio Mola </div> </div> <div>Roma</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1445&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="KqxUMSbjm2rJtZWl710_R2zb-ocOYHHhVKNZsydTRJo"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Climbing Spot Tags</div> <div> <div><a href="/it/climbing-spot/duca_degli_abruzzi-gran-sasso/articles" hreflang="it">Scalare vicino al Duca degli Abruzzi</a></div> <div><a href="/it/hiking-spot/duca_degli_abruzzi-gran-sasso/articles" hreflang="it">Escursioni dal Rifugio Duca degli Abruzzi</a></div> </div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/fiorangela.bellotti" hreflang="it">Articoli di Fiorangela Bellotti</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>46</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/fiorangela.bellotti/mappa-dei-rifugi-il-duca-degli-abruzzi-e-il-nostro-primo-puntino" data-a2a-title="La mappa dei Rifugi: Il Duca degli Abruzzi è il nostro primo puntino"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Ffiorangela.bellotti%2Fmappa-dei-rifugi-il-duca-degli-abruzzi-e-il-nostro-primo-puntino&amp;title=La%20mappa%20dei%20Rifugi%3A%20Il%20Duca%20degli%20Abruzzi%20%C3%A8%20il%20nostro%20primo%20puntino"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Sun, 26 Apr 2020 21:53:40 +0000 admin 1445 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/fiorangela.bellotti/mappa-dei-rifugi-il-duca-degli-abruzzi-e-il-nostro-primo-puntino#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/fiorangela.bellotti/mappa-dei-rifugi-il-duca-degli-abruzzi-e-il-nostro-primo-puntino#comments Adriatic Climbing Trip https://climbingspotfactory.com/it/article/renato.bernard/adriatic-coast-climbing-trip <span>Adriatic Climbing Trip</span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Dom, 11/03/2019 - 15:41</span> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/00AdriaTripThumb.JPG" width="50" height="50" alt="Adriatic Climbing Trip" title="Adriatic Climbing Trip" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Suggerimenti per le prossime vacanze: Renato Bernard ci racconta il suo tour sulla costa adriatica.</p> <p>Per finire una carrellata di immagini sulle pareti di <strong>Trieste</strong>, <strong>Osp</strong>, <strong>Omis</strong>, <strong>Paklenica</strong>, <strong>Hvar</strong>... Tanto per farci venire l'acquolina in bocca.  </p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2019-11/00AdriaTrip600.JPG" width="600" height="450" alt="Etienne Bernard, Adriatic Climbing Trip" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><p>Come ogni fine estate, finita piú o meno la stagione di guida alpina, mi prendo sempre un paio di  mesi per una lunga vacanza arrampcatoria, prima di riaffrontare la stagione invernale di maestro di sci e di cascate di ghiaccio.</p> <p>La scelta della localitá si rivela sempre molto difficile, tanti sono I posti che desidererei visitare e tante le opinioni in famiglia, sia <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/member/etienne.bernard">Etienne</a> che Petra hanno la loro...</p> <p>In primavera vinsi io e mi  seguirono in un viaggio full-immersion nelle fessure di arenaria dello Utah (Moab) e del Nevada (Las Vegas), questa volta vince <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/member/etienne.bernard">Etienne</a> che ricordandosi di un'isola da sogno (Hvar)  vista su qualche sito di arrampicata croata, sembra abbia le idee molto chiare sul dove andare.</p> <p>Quindi si parte alla volta della costa orientale del Mare Adriatico, toccando velocemente alcuni siti in Istria e <strong>Slovenia</strong>, ma con metá finale la <strong>Dalmazia</strong>.</p> <p>Dalle Dolomiti un pomeriggio di viaggio e sbarchiamo (per modo di dire) a <strong>Trieste</strong> dove ci fermiamo un paio di giornate scalando sul meraviglioso calcare della "<strong>Costiera</strong>" e non poteva mancare una visita alla "<strong>Napoleonica</strong>" per toccare alcune delle pietre miliari della scalata triestina.</p> <p>Giornata di trasferta per la vicina "<strong>Ospo</strong>" passando per <strong>Ljubljana</strong>, pittoresca cittadina slovena, e siamo giá di nuovo n azione; primo giorno preferiamo scalare sulla sovrastante falesia di Osp, rivelatasi veramente eccezionale (tutti considerano solo la limitrofa Misja Pec), ed il secondo una delle meravigliose multipitches sul paretone.</p> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/tales" hreflang="it">Racconti</a> </li> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/sportclimbing" hreflang="it">Sport Climbing</a> </li> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/renato.bernard" hreflang="it">Renato Bernard </a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Pareti di roccia fantastica<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/member/renato.bernard">Renato Bernard</a> </div> </div> <div>Campitello di Fassa</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1279&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="OzCoYAvWYt_3VL6onP6e4ZetdDi2TN7AkBA_hHFer4I"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/01AdriaTripHVAR600.JPG" width="375" height="500" alt="Renato bernard, Hvar" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Immagine 2</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/02AdriaTripOMIS600.JPG" width="600" height="450" alt="Renato Bernard a Omis" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><p>Di nuovo in viaggio alla volta di Paklenica dove ci attendono due meravigliose arrampicate lunghe sulle pareti solcate da rigole gigantesche di <strong>Anica Kuk</strong> e <strong>Debeli Kuk</strong>; simpatico l'incontro con De Laurentis e Caporale, sbarcati dall'Abruzzo per scalare in Croazia, guide alpine che non vedevo dai tempi dei loro corsi guida.</p> <p>Paklenica si é rivelata superlativa non solo per I suoi famosi multipitches ma anche per la qualitá dei monotiri nei settori bassi.</p> <p>Ora peró é gran ora di prendere il traghetto alla volta di <strong>Hvar</strong>, isolotto a due ore di barca da <strong>Spalato</strong> e visitare questo luogo idilliaco. La meta é <strong>Cliffbase</strong>, falesia privata, infatti si paga il bighietto per scalare, che si affaccia ad un mare eccezionale, non a caso nella guida della Croazia questo posto viene paragonato alla Thailandia. </p> <p>Super, super, super le aspettative non vengono tradite: placche, strapiombi, canne tiri da 40 metri, da fiaba pure il piccolo villaggio di pescatori di <strong>Jelsa</strong>, nominate la "piccola Venezia".</p></div> </div> <div> <div>Parte 2</div> <div><p>Ritornati in terraferma ci si sposta a <strong>Omis</strong>, piccolo villaggio turistico a mezz'ora da <strong>Split</strong> verso sud dove ci attende l'imponente cornice di pareti alte fno a 400 metri, che circondano il porto.</p> <p>Un sogno, falesie chiodate a pennello, alcune ad un minuto dalla macchina, altre un po`piú appartate, ma il valore aggiunto le lunghe pareti con numerose vie di piú tiri perfettamente attrezzate e con un potenziale illimitato. (<strong>Ilinac, Sveti Jure, Stomorica</strong>...)</p> <p><em>Penso che le possibilitá arrampicatorie di Omis permettano tranquillamente il soggiorno di un mese</em>, cambiando in continuazione  i siti di arrampicata e da non sottovalutare la vicinanza dell'Italia centrale (Ancona) prendendo il traghetto per Spalato.</p> <p>Posso serenamente consigliare di provare per una volta di cambiare le mete per le vacanze in corda, trascurando per una volta i sovraffollati e inflazionati Arco, piuttosto che Finale o la Sardegna, Sicilia, mettendosi in gioco tentando la volta della costa orientale  dell'Adriatico... <em><strong>NON rimarrete delusi</strong></em></p> <p>Buone arrampicate a tutti     </p> <p><strong><em>Famiglia Bernard</em></strong></p> <p> </p></div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>A Hvar<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/member/etienne.bernard">Etienne Bernard</a></div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>A Omis<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> <a href="https://www.climbingspotfactory.com/it/member/etienne.bernard">Etienne Bernard</a></div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/renato.bernard" hreflang="it">Articoli di Renato Bernard</a></div> <div><a href="/it/contents/etienne.bernard" hreflang="it">Articoli di Ètienne Bernard</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>45</div> </div> <div> <div> <article data-history-node-id="1291" role="article" about="/it/node/1291"> <div> <div class="text-center"><div class="flexslider"> <ul class="slides"> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1280" role="article" about="/it/node/1280"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Adriatic Climbing Trip</h5> <p>Multipitches</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/00AdriaTrip.JPG" width="600" height="450" alt="Adriatic Climbing Trip, Multipitches, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1281" role="article" about="/it/node/1281"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Adriatic Climbing Trip</h5> <p>Multipitches</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/01AdriaTrip.JPG" width="600" height="450" alt="Adriatic Climbing Trip, Multipitches, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1282" role="article" about="/it/node/1282"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Hvar</h5> <p>Ètienne Bernard a Cliffbase</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/02HvarCliffbase.JPG" width="600" height="450" alt="Hvar, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1283" role="article" about="/it/node/1283"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Hvar</h5> <p>Cliffbase, le pareti</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/03HvarVillaggioCliffbase.JPG" width="600" height="450" alt="Hvar, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1284" role="article" about="/it/node/1284"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Renato Bernard sui monotiri</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/04OmisMonotiri.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1285" role="article" about="/it/node/1285"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Renato Bernard su un monotiro</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/05OmisMonotiri.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1286" role="article" about="/it/node/1286"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Renato Bernard su un monotiro</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/06OmisMonotiri.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1287" role="article" about="/it/node/1287"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Panorama</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/07OmisVillaggio.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1288" role="article" about="/it/node/1288"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Multipitches</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/08OmisParetiVieLunghe.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1289" role="article" about="/it/node/1289"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Multipitches</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/09OmisVieLunghe.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> <li class="field-item"> <article data-history-node-id="1290" role="article" about="/it/node/1290"> <div> <div class="sticking_out"> <div><h5>Omis</h5> <p>Multipitches</p> </div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-11/10OmisVieLunghe.JPG" width="600" height="450" alt="Omis, Renato Bernard, Etienne Bernard" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> </div> </article> </li> </ul> </div></div> </div> </article> </div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/renato.bernard/adriatic-coast-climbing-trip" data-a2a-title="Adriatic Climbing Trip"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Frenato.bernard%2Fadriatic-coast-climbing-trip&amp;title=Adriatic%20Climbing%20Trip"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> Sun, 03 Nov 2019 15:41:03 +0000 admin 1279 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/renato.bernard/adriatic-coast-climbing-trip#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/renato.bernard/adriatic-coast-climbing-trip#comments Intervista a Pierluigi Bini https://climbingspotfactory.com/it/dossier/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini <span>Intervista a Pierluigi Bini</span> <span><p>Pierluigi Bini, classe 1959. Nato a Pontedera ma cresciuto nelle periferie romane, Negli anni 80 ha rivoluzionato l'arrampicata su roccia nel Centro Italia e non solo. Ha vissuto da protagonista, forse a volte inconsapevole, il passaggio dall'alpinismo classico alla moderna arrampicata libera diventando un punto di riferimento importante per molti appassionati di alpinismo. </p></span> <span><span lang="" about="/it/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span>Sab, 03/23/2019 - 22:08</span> <span> <div class="mini-listing"> <div class="row"> <div class="col-md-4"> <div class="post-image"> <div class="img-thumbnail"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1"> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/00Thumb%20Bini.jpg" width="50" height="50" alt="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima" title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima" typeof="foaf:Image" /> </div> </a> </div> </div> </div> <div class="col-md-8"> <div class="post-info"> <div class="post-teaser-info"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1" class="post-teaser-title"><span>Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima</span> </a> <div class="post-meta"> <div class="row"> <div class="col-md-2"> <i class="fa fa-map-marker"></i> </div> <div class="col-md-10"> <b> <div>Roma</div> </b> </div> </div> </row> </div> </div> </div> </div> </div> <article data-history-node-id="1105" role="article" about="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1" class="post"> <div class="post-content"> <div class="post-meta"> <span class='post-meta-user'> <i class="fa fa-pencil-square-o"> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/luigi.filocamo" hreflang="it">Luigi Filocamo</a> </li> </ul> </i> </span> <i>Mar 15, 2019</i> </div> </div> </article> </div> </span> <span> <div class="mini-listing"> <div class="row"> <div class="col-md-4"> <div class="post-image"> <div class="img-thumbnail"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2"> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/03%20Thumb%20Bini.jpg" width="50" height="50" alt="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda" title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda" typeof="foaf:Image" /> </div> </a> </div> </div> </div> <div class="col-md-8"> <div class="post-info"> <div class="post-teaser-info"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2" class="post-teaser-title"><span>Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda</span> </a> <div class="post-meta"> <div class="row"> <div class="col-md-2"> <i class="fa fa-map-marker"></i> </div> <div class="col-md-10"> <b> <div>Roma</div> </b> </div> </div> </row> </div> </div> </div> </div> </div> <article data-history-node-id="1106" role="article" about="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2" class="post"> <div class="post-content"> <div class="post-meta"> <span class='post-meta-user'> <i class="fa fa-pencil-square-o"> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/luigi.filocamo" hreflang="it">Luigi Filocamo</a> </li> </ul> </i> </span> <i>Mar 15, 2019</i> </div> </div> </article> </div> </span> <span>Intervista</span> <span> <img src="/sites/default/files/styles/max_2600x2600/public/2019-05/00%20Bini_0.jpg?itok=kSTMl1EJ" width="426" height="640" alt="Pierluigi Bini" typeof="foaf:Image" /> </span> <span>Sul Gran Sasso<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Angelo Monti</span> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <span><a href="/it/member/luigi.filocamo" hreflang="it">Luigi Filocamo</a></span> <span>A Cura Di</span> Sat, 23 Mar 2019 22:08:53 +0000 admin 1117 at https://climbingspotfactory.com Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2 <span>Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda</span> <span><span lang="" about="/it/user/6" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">luigi.filocamo</span></span> <span>Ven, 03/15/2019 - 15:33</span> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/03%20Thumb%20Bini.jpg" width="50" height="50" alt="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda" title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda" typeof="foaf:Image" /> </div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2019-05/01Vinatzer-peristi600.jpg" width="600" height="402" alt="Pierluigi Bini sulla &quot;Vinatzer-Peristi&quot; alla Stevia, Gruppo delle Odle - Luglio 1979 " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><p>Io sono stato un alpinista ma anche un arrampicatore sportivo, ho arrampicato su ponti e muri per anni, quindi "involontariamente" ero un applicatore sportivo, Ciampino era la mia palestra ciampino, Massimo Marchegiani  l'aveva vista andandosi ad appartare con la sua ragazza e mi disse di questo posto, poi lui non ci Ë mai venuto ed io ci andavo con Angelo Monti, quondo ho visto il posto quasi non ci credevo! A Roma! Poi il ponte sulla Casilina... e avevo scoperto un posto a Capannelle con una situazione simile, poi è diventato un cimitero di gomme che a un certo punto prese fuoco e venne sotterrato, era bello quasi come Ciampino e ci andavo solo io, una volta ci portai Giorgio Mallucci e Gianni Battimelli, io ci andavo con la bici (allora non avevo neanche l'auto) per allenarmi, basta che stavo attaccato a qualcosa... quindi arrampicatore sportivo "involontariamente".<br /> Come scarpe utilizzavo anche le EB, le usavano già i grandi scalatori dell'epoca anche in Inghilterra.<br /> Mi piaceva il confronto con i forti, se vedevo con gente forte prendevo spunto da loro, come quando vidi Mariacher slegato sulla Micheluzzi al Ciavazes e che io pensavo di essere già molto allenato ma mi fece capire che potevo fare di più. Io stavo con il Vecchiaccio (Vito Plumari) sulla Micheluzzi e mi vidi questo passare slegato... E' stata una giornata mitica! C'erano i Ragni di Lecco (anche loro casualmente su quella via) che erano scombussolati, erano molto giovani, sulle Dolomiti per la prima volta e si imbatterono nel Vecchiaccio che fece una scena la sotto terrificante con le uova e e le buste, fece un macello... I Ragni ci davano per condannati a morire subito e invece andavamo come schegge, se si bloccava lo tiravo su, tanto non pesava niente, quell'altro (Mariacher) che passava slegato a 300 all'ora! Poi lo vidi riscendere da un'altra parte e risalire da un'altra parte, poi riscendere... ho pensato che fosse una rivoluzione! Comunque sono stati dei momenti irripetibili. Alla fine della mia attività poi andai in Yosemite, ma già pensavo ad altre cose, le prime fidanzate, le macchine... fatto sta che non feci quasi niente in America, anzi me ne andai proprio... a un certo punto salutai tutti e me ne andai perché dovevo tornare a Roma a fare altre cose.<br /> Poi ripresi ad arrampicare, dai 15/16 anni ai 19/20 anni avevo fatto solo quello, avevo smesso di andare a scuola, quando mi chiamarono al servizio militare successe un macello, ci è mancato poco che mi arrestassero, perché me ne andavo, scappavo scavalcando i reticolati dell'aeroporto di Viterbo perché volevo andare ad arrampicare e basta, pensavo "mo questi mi tengono un anno qua e io muoio! Non mi fanno arrampicare, non mi fanno fare niente!" Capirai ero rovinato... ogni tanto si presentava Vito con la moto all'aereoporto a prendermi... Quindi, quando hai 20 anni e per cinque anni ha fatto solo quello a un certo punto poi vuoi scoprire qualche altra cosa...<br /> Poi dopo tanti anni mi è tornata la voglia di alpinismo, la variante nuova alla Via dei Francesi sulla cima ovest di Lavaredo per esempio, io penso che una volta sistemate alcune cose della tua vita poi si torna un'altra volta ai vecchi amori, magari con una testa e un approccio diverso perché i primi cinque anni sono stati "miracolati", li ricordo come gli anni più belli e più e più intensi di tutta la mia vita e ci torno molto spesso col pensiero.</p> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/luigi.filocamo" hreflang="it">Luigi Filocamo</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Pierluigi Bini sulla "Vinatzer-Peristi" alla Stevia, Gruppo delle Odle - Luglio 1979 <br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Angelo Monti </div> </div> <div>Roma</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1106&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="-jdkgnPfAWTs6Ur_rPTaY8pnAgTzxkZT4m5JN-chpW4"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/05PizCiavazedBouldering600.jpg" width="334" height="500" alt="Pierluigi Bini - Bouldering sotto al Piz Ciavazes - Agosto 1979 " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Immagine 2</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/02Tissi600.jpg" width="600" height="905" alt="22/07/1979 - Pierluigi Bini sulla via &quot;Tissi al Pan di Zucchero&quot;, Gruppo della Civella " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><p>Una bella storia, sono diventato anche un punto di riferimento come lo sono stati altri per me. Io avevo una grande ammirazione per quelli della SUCAI quando li vedevo fare quelle cose... mi sembrava impossibile poterle fare, e poi invece con la scoperta delle superga ho fatto il salto di qualità, perché vidi Rys' Zaremba, che poi mi portava dietro perché vide in me un possibile piccolo talento, e mi portò sulle Dolomiti. E li successe un po di tutto, lui era molto lento, era normale bivaccare sulle vie, la prima via che mi fece fare in Dolomiti, un po incosciente anche se avevo già fatto una solitaria (ma con la corda) al Gran Sasso, fu la via del Torso al Piz Ciavazes completamente slegati... non avevo neanche 16 anni! E' stato davvero incosciente...  io ero preda dell'esaltazione e ho fatto slegato questa via di terzo e quarto grado, ma era quarto grado delle Dolomiti... nel senso che se tu stai in questo cammino è quarto grado ma se ti sposti di appena mezzo metro diventa quinto e non puoi sbagliare. Lui mi guidava, mi diceva come fare però...<br /> Ci è andata bene, ci è andata bene diverse volte... io penso che ora ci penserei una fare slegato quella via, cioè adesso con tutta l'esperienza che ho se dovessi andarci domani a fare slegato quella via non so se ci andrei. Per fare certe cose poi ti devi allenare, devi metterti nella condizione psicologica giusta, devi arrampicare tutti i giorni. Allora io arrampicato tutti i giorni, o su un albero o su un campanile o su un muro della Casilina, poi Ciampino, Morra, Circeo e poi Monte Leano perché Sperlonga non c'era ancora... due giorni arrampicavo e uno andavo al ponte. E quando stavo fermo andavo a correre, facevo 10 km di corsa. Ero fissato con le diete, ero la rovina di mio padre e mia madre, un ragazzino di 17/18 anni con la bilancetta... ero magrissimo. Con quella forma e le motivazioni che trovavo nei libri, Stefano Ardito mi prestò un libro di Gogna (Un alpinismo di ricerca) e io gliel'ho restituito sette/otto mesi dopo tutto usurato per quante volte lo avevo letto. A scuola non ci andavo però i libri di alpinismo li conoscevo tutti... è stata una bella scuola di vita. Si rimane molto legati a queste cose, e poi io sono sempre combattuto, adesso ho deciso che mi devo allenare, quindi zucchero pochissimo, il pane e pasta non li mangio... mi piacerebbe anche solo andare a ripetere la Dori a Leano per farla con come dico io, cioè farla quasi con l'obiettivo di come la facevo allora, anche se con la stessa leggerezza è praticamente impossibile, perché dovrei arrampicare sempre, tutti i giorni. Personalmente arrivo a certe cose solo quando quando arrampico tutti i giorni. Quando però riesco ad arrampicare tutti i giorni devo dire che sono rimasto un po meravigliato, perché al Morra un paio di anni fa ho fatto ho fatto 3 mila metri da solo... considera che due anni fa facevo 57 anni quindi se ci si allena tutti i giorni forse si ottengono ancora certi risultati.<br /> Se riesco ad andare un po di giorni di seguito vedo che faccio dei grossi miglioramenti, ma ti devi scordare il lavoro, la moglie, tutto... poi però arrivano le bollette da pagare. Si continua finché che la si fa, certo mi rendo conto che il calendario è impietoso.</p></div> </div> <div> <div>Parte 2</div> <div><p><strong>- 40 anni fa hai anticipato tutto quello che si fa adesso.</strong></p> <p>Diciamo perché sono capitato proprio in quel momento storico, c'era questa evoluzione, questo cambio dal classico andando verso lo sportivo, allenamento sistematico e calcolato. Adesso l'arrampicata sportiva è proprio un'altra cosa, è diventata una cosa a se, c'è chi non sa neanche cosa sono le montagne... c'è anche chi lo sa ma non gli interessa proprio... eravamo dei tipi un po scanzonati, con le tute da ginnastica, prima c'era la divisa da alpinista, I Ragni di Lecco quando ci hanno visto mi avevano bollato subito, quando mi hanno visto con la tuta, poi quando hanno visto Vito lasciamo perdere... loro erano tutti omologati con col maglione con il ragno, tutti vestiti con la maglia rossa, erano un'istituzione... la maggior parte erano così e ti guardavano le superga chiedendoti: "ma tua arrampichi con quelle cose li?"<br /> Adesso l'arrampicata della palestra si sta avvicinando alla ginnastica artistica con le figure acrobatiche predefinite. Comici nel 1933/35 prima della seconda guerra mondiale, aveva una grande plasticità, veniva dalla ginnastica artistica come anche Patrick Edlinger, diventa arte.<br /> Quando vedo Bolle penso che potrebbe essere stato un grande scalatore.<br /> Ma il fisico non basta ci vuole anche una grande passione che ti fa affrontare la paura, poi la paura ti rimane sempre per fortuna ma pure quella la alleni, ti alleni all'estremo, a stare sempre con quello stress addosso, a stare con quell'attenzione addosso che anche se apparentemente sembra che non ci sia è sempre presente, la percezione del rischio ce l'hai. Anche la scelta dei compagni di cordata è importante e farli allenare per quello che tu hai intenzione di fare, vedo che è sempre più difficile trovare persone adesso che accettano questi parametri. Io portavo la gente al Morra e la facevo allenare insieme a me, gli facevo fare tiri su tiri fino a che non capivo di poterli portare con me e infatti poi con l'esperienza cominci ad avere un gruppetto.  <br /> Negli anni 70/80 andavamo spessissimo anche al Circeo, ci sembrava di stare in Dolomiti, ci ha fatto tanta scuola, e io sono sempre molto riconoscente verso Giorgio Mallucci, Roberto Ferrante, Franco Cravino... quel gruppo di persone che ha fatto tanto, per esempio a Leano, Dado Morandi, tutte le vie su cui abbiamo passato un sacco di tempo, poi sono arrivati questi ragazzetti che hanno scombussolato le cose... ma io ho sempre avuto buoni rapporti con tutti. Qualcuno mi dava del matto perché arrampicavo slegato, ma non davo fastidio a nessuno, ho sempre fatto la mia attività, c'era quello che diceva che eri matto e poi c'erano pure quelli che ti ammiravano. Pure con le nuove generazioni sono sempre stato in buoni rapporti, con Andrea Di Bari e Stefano Finocchi abbiamo anche un po arrampicato insieme, poi Luca Grazzini e i Vermi (Roberto e Giuseppe Barberi) per me sono tutti amici, anche Marco Forcatura e Maurizio Tacchi che ho visto al Morra che avevano 14/15 anni, C'era Angelo Monti che faceva un po' da tramite ma il circuito era quello, quindi noi ci siamo sempre incontrati e i rapporti erano ottimi. Io poi sono sempre stato uno che come vedo la polemica mi defilo, non vado a cercare provocazioni.</p></div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>Pierluigi Bini - Bouldering sotto al Piz Ciavazes - Agosto 1979 <br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Ar. Pierluigi Bini</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>22/07/1979 - Pierluigi Bini sulla via "Tissi al Pan di Zucchero", Gruppo della Civetta <br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Angelo Monti</div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/luigi.filocamo" hreflang="it">Articoli di Luigi Filocamo</a></div> </div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2" data-a2a-title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Seconda"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fluigi.filocamo%2Fintervista-a-pierluigi-bini-parte-2&amp;title=Intervista%20a%20Pierluigi%20Bini%20-%20Parte%20Seconda"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> <div> <article data-history-node-id="1119" role="article" about="/it/node/1119"> <div class="row"> <div class="col-md-6 text-left" > <span><div class="row"> <div class="col-md-1" style="font-size: 3.1em;"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1"><i class="fa fa-arrow-left"></i></a> </div> <div class="col-md-3 text-center"> <div> <article data-history-node-id="1118" role="article" about="/it/node/1118"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>1</span> / <span> <span>2</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> </div> <div class="col-md-8"> </div> </div> </span> </div> <div class="col-md-6 text-right" > </div> </div> </article> </div> <div> <article data-history-node-id="1119" role="article" about="/it/node/1119"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>2</span> / <span> <span>2</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> Fri, 15 Mar 2019 15:33:38 +0000 luigi.filocamo 1106 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2#comments Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1 <span>Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima</span> <span><span lang="" about="/it/user/6" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">luigi.filocamo</span></span> <span>Ven, 03/15/2019 - 15:11</span> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/00Thumb%20Bini.jpg" width="50" height="50" alt="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima" title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Pierluigi Bini, classe 1959. Nato a Pontedera ma cresciuto nelle periferie romane, Negli anni 80 ha rivoluzionato l'arrampicata su roccia nel Centro Italia e non solo. Ha vissuto da protagonista, forse a volte inconsapevole, il passaggio dall'alpinismo classico alla moderna arrampicata libera diventando un punto di riferimento importante per molti appassionati di alpinismo. </p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2019-05/00%20Bini.jpg" width="426" height="640" alt="Pieluigi Bini sul Gran Sasso " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><p><strong>- Pierluigi, come ti è venuto in mente di iniziare ad arrampicare?</strong></p> <p>Eravamo ragazzini scalmanati, poi ho visto sull’enciclopedia le foto degli “scalatori”, un uomo in spaccata col ghiacciaio sotto, e allora mi sono fissato con quest'idea. Mio padre, che era preoccupato perché il figlio si era fissato con le corde, arrampicava sotto i ponti e non andava più a scuola, chiese consiglio ad un amico che lo indirizzò al CAI: “<em>Così gli insegnano qualcosa, altrimenti s’ammazza, e poi vedrai che gli passa</em>”!<br /> E così sono finito in via di Ripetta, nella sede del CAI di Roma e ho iniziato ad aggregarmi alle gite. Ci portarono per prima cosa a sciare, a Campo Staffi, ma io volevo scalare. Poi a fare le gite sociali, con tutti i vecchietti, ma a un certo punto ci siamo rotti le scatole, facevamo finta di partecipare alle gite domenicali in pullman e invece scappavamo alla stazione Termini e prendere il treno, che partiva dal binario 8 alle 7.22 per Pescara, discesa alla stazione Marcellina, tutta la strada a piedi fino al monte Morra portandoci un cordino da 7 mm che che avevo comprato da Montanucci sport, messo doppio. I frequentatori di allora del Morra hanno iniziato a vederci, solo che avevamo una paura tremenda, facevamo delle scene incredibili... Ci mettemmo subito sotto il camino Jannetta e ci impantanammo subito sulla prima paretina, non ti dico che successe! Eravamo tre scamlanati... Provai io e mi bloccai, poi feci tre metri, poi sono mezzo crollato... mettevamo solo il moschettone nel chiodo, senza rinvii (non esistevano i rinvii) quindi immagina la corda che faceva tutte Z e si bloccava... un po non eravamo capaci, un po la corda che non scorreva... poi prova un amico mio e anche lui torna indietro, poi ancora un altro...</p> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/luigi.filocamo" hreflang="it">Luigi Filocamo</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Gran Sasso<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Angelo Monti </div> </div> <div>Roma</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1105&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="pG9U0WMfHYzFdlEvPHzRcH9EIGpx9HcZm4qljpWIFyg"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/01%20Bini.jpg" width="323" height="500" alt="Pierluigi Bini alla Santissima Trinità " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Immagine 2</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-05/02PassoScalette600.jpg" width="600" height="902" alt="Passo delle Scalette, a destra Pierluigi Bini - Inizio anni &#039;80 - (Archivio P. Bini) " typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><p><strong>- Ma come ti facevano sicura?</strong></p> <p>Sicura a spalla come avevamo visto dei libri... a spalla con sti cordini puoi immaginare... attaccati su un albero. Avevamo già comprato l'imbragatura e tutto il resto, il casco con la scritta Cassin, eravamo già un po omologati... scarponi. Poi vidi Rys' Zaremba (che usava le superga) quando feci il corso d'introduzione all'alpinismo.<br /> Quando cominciarono a vedere girare per il Morra questi tre ragazzini di 14/15 anni hanno fatto la spia! Hanno fatto la spia al CAI! A un certo punto viene mio padre e mi dice :<br /> - Mi ha chiamato il CAI...<br /> - E che t'ha detto?<br /> - Ha detto ha detto che voi fate finta di andare con i vecchietti per poi invece andare al Morra! Vi hanno visto! Mi hanno detto "Questi si ammazzano! A 14/15 anni con sti cordini... strillano aiuto mamma!"<br /> Insomma con un amico mio sotto lo Jannetta (Camino Jannetta, vecchia via classica facile del Morra) a un certo punto si icrodò e non riusciva ad andare ne avanti ne indietro, aveva 10 chiodi e il martello e su 5 metri piantò 10 chiodi... fece un macello! E poi per recuperarlo! Io non avevo il coraggio di andare la sopra e lui strillava, siamo andati a recuperarlo facendo tutto un giro a piedi per recuperarlo da una cengia tipo capra, lasciando tutto il materiale attaccato che poi venne recuperato da certi del CAI che poi ce lo hanno ridato, chiodi e moschettoni...<br /> Già avevamo le attrezzature e insomma a quel punto c'era un corso di introduzione all'alpinismo che feci e ci portarono al Morra e al Gran Sasso e lì conobbi Rys' Zaremba, Osvaldo Locasciulli, Gianni Battimelli... c'erano un po tutti, Geri Steve... certi matti... <br /> Massimo Marchegiani venne dopo, avevo già fatto un paio di stagioni (76/77) con Alberto Campanile, che conobbi alla casa cantoniera di Passo Sella mentre cercavo qualcuno per arrampicare. Il giorno dopo andammo a fare Italia 61 ma già avevo iniziato prima ad arrampicare, poi ho fatto un botto di vie con lui... abbiamo fatto quasi tutte le vie classiche di sesto delle Dolomiti, dalla Comici alla Cassin sulla Cima Grande di Lavaredo, il diedro Philip-Flamm, la Livanos sulla Su Alto la Aste alla Punta Civetta... tutte!<br /> Ancora non correvo proprio come nel 78/79, prima ho fatto nel 76/77 tutte vie di sesto, credo un centinaio con Alberto compagno di cordata fisso, persona molto tosta di Mestre/Venezia capace di tenere a bada la paura... niente previsioni, si usciva la mattina se vedevi il cielo bello, si andava poi magari cambiava, ma a noi ci è andata sempre bene, quasi mai un temporale importante... solo sul Corno Piccolo (Gran Sasso) la prima solitaria che feci a 16 anni, la Mario-Di Filippo sulla Prima Spalla, presi un temporale all'uscita, c'era Lino D'Angelo, Enrico De Luca, Lucio Gambini con Donatello Amore che scappavamo sul Corno Piccolo con i fulmini che ci venivano dietro. Una corsa da indiavolati... grandine... che spettacolo! Che bella esperienza però!</p></div> </div> <div> <div>Parte 2</div> <div><p><strong>- Ma salite invernali ne facevi?</strong></p> <p>Pochissimo, andammo a fare una volta la cresta nord-est del Corno Piccolo con Gigi Mario, io con Angelo Monti e Gigi Mario con Giampaolo Picone e c'era tutto un camino impiastricciato di ghiaccio e così Gigi Mario per passare con gli scarponi entra nel camino e incastra una piccozza... e io avrei dovuto fare quello?!? Vidi Gigi incastrato nel camino che "sgommava" con gli scarponi e i ramponi e allora vedendo una placca tutta pulita a destra, mi misi le superga e feci dei passaggi di almeno quinto/sesto per non entrare nel camino, e quando uscii però sul terrazzino innevato feci gli scalini nella neve per metterci i piedi mezzi congelati pur di non mettere gli scarponi... non ero uno da invernali, cioè non ero uno da ramponi, appena potevo mi mettevo le superga. Ero uno da estate, non ho mai amato tanto il freddo.</p> <p><strong>- Però sei stato tra i primi ad allenarsi seriamente</strong></p> <p>Sì perché leggevo i libri, per esempio in Settimo grado di Messner, c'era proprio descritto un allenamento specifico che lui riteneva importante soprattutto per valutare le sue possibilità, poi lui era uno che che aveva una marcia in più...<br /> Messner era un modello ma anche tanti altri come Cozzolino, che era già morto ma che ammiravo per quello che aveva fatto, come la via dei fachiri, le vie sulla Busazza con 8 chiodi e il Piccolo Mangart di Coritenza con 10 o 12 chiodi su 800 metri... eravamo in quell'ottica, guai a forare la roccia!<br /> Poi, dopo, qui alla Santissima, siccome è una parete talmente impossibile da salire in libera  con chiodi normali, perché è un muro liscio, abbiamo trapanato, ma senza però voler rinnegare quello che avevo fatto prima, tanto per divertimento insomma e senza rischiare, perché così almeno sei protetto, perché quelle cose che facevamo prima le facevamo quasi sempre sprotetti... quindi sì mi sono appassionato all'artificiale, perché avevo fatto già parecchie vie in artificiale con Alberto Campanile, per esempio la parete rossa alla Roda di Vael, Italia 61, la Maestri, Hasse-Brandler... perciò trovare una condizione dolomitica come sulla Santissima Trinità a me è piaciuto, artificiale e misto. Tutto ciò che che assomiglia alle Dolomiti mi piace, pareti gialle strapiombanti...<br /> Non sono mai andato sul Monte Bianco per non mettere scarponi e ramponi, poi probabilmente ci sarei anche andato ma a un certo punto ho dato una bella frenata, ho fatto 4/5 anni in un certo modo poi ho cominciato a scoprire altre cose e poi mi sono dedicato anche ad altre cose.<br /> Se andavo al Monte Bianco andavo sicuramente sul Gran Capucin o sul Dru invece sul Pilone centrale sarebbe stato un po difficile... scarponi e grandi avvicinamenti, grandi traversate... io ero proprio uno da maglietta e superga... Nel Sahara mi sono divertito tantissimo con quelle condizioni d'asciutto, di secco... Purtroppo l'arrampicata in Sardegna è diventata famosa dopo, quando ero in una fase di calo perché lì è proprio arrampicata pura e se avessi avuto l'agilità e la leggerezza dei primi anni mi sarei andato a cercare tutte le cose più difficili, arrampicata sportiva dura su 700/800 metri.</p></div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>Santissima Trinità <br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Angelo Monti</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>Passo delle Scalette, a destra Pierluigi Bini - Inizio anni '80 - (Archivio P. Bini) <br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> Ar. Pierluigi Bini</div> </div> <div> <div>Contributor Reference Tag</div> <div> <div><a href="/it/contents/luigi.filocamo" hreflang="it">Articoli di Luigi Filocamo</a></div> </div> </div> <div> <div>Position</div> <div>36</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1" data-a2a-title="Intervista a Pierluigi Bini - Parte Prima"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fluigi.filocamo%2Fintervista-a-pierluigi-bini-parte-1&amp;title=Intervista%20a%20Pierluigi%20Bini%20-%20Parte%20Prima"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> <div> <article data-history-node-id="1118" role="article" about="/it/node/1118"> <div class="row"> <div class="col-md-6 text-left" > </div> <div class="col-md-6 text-right" > <span><div class="row"> <div class="col-md-8"> </div> <div class="col-md-3 text-center"> <div> <article data-history-node-id="1119" role="article" about="/it/node/1119"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>2</span> / <span> <span>2</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> </div> <div class="col-md-1" style="font-size: 3.1em;"> <a href="/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-2"><i class="fa fa-arrow-right"></i></a> </div> </div> </span> </div> </div> </article> </div> <div> <article data-history-node-id="1118" role="article" about="/it/node/1118"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>1</span> / <span> <span>2</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> Fri, 15 Mar 2019 15:11:38 +0000 luigi.filocamo 1105 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/luigi.filocamo/intervista-a-pierluigi-bini-parte-1#comments Storia dell'alpinismo e degli uomini che hanno sfidato le montagne - Parte V https://climbingspotfactory.com/it/article/umberto.silvestri/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-V <span>Storia dell&#039;alpinismo e degli uomini che hanno sfidato le montagne - Parte V</span> <span><span lang="" about="/it/user/61" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">umberto.silvestri</span></span> <span>Mar, 02/26/2019 - 21:41</span> <div> <img src="/sites/default/files/2019-02/ThumbBonatti.jpeg" width="50" height="50" alt="Storia dell&#039;alpinismo e degli uomini che hanno sfidato le montagne" title="Storia dell&#039;alpinismo e degli uomini che hanno sfidato le montagne - Parte V" typeof="foaf:Image" /> </div> <div><p>Umberto Fausto Silvestri termina la serie dei grandi scalatori del '900. Con <strong>Walter Bonatti</strong> e <strong>Reinhold Messner</strong> si chiude questo primo dossier, che sarà seguito a breve da un altro sulla storia dell'arrampicata.</p></div> <div class="single-post-image post-image"> <div > <img src="/sites/default/files/2019-02/12Bonatti600.jpeg" width="600" height="375" alt="Walter Bonatti" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div><p> </p> <p><b>Walter Bonatti </b>(<em>Bergamo 22/6/1930; Roma 13/11/2011</em>)</p> <p>Soprannominato “Il Re delle Alpi” comincia le sua scalate sulle Prealpi lombarde nel 1948.</p> <p>Nel 1951 conquista il Monte Bianco nella parete del Gran Capucin.</p> <p>Nel 1954 è il più giovane scalatore a partecipare alla spedizione per la conquista del K2.</p> <p>Ancora nel 1963 supera la parete nord del Grand Jorasses in pieno inverno e “chiude” la carriera alpinistica con la scalata diretta in solitaria della nord del Cervino nell’inverno del 1965.</p> <p>Diventerà esploratore e divulgatore scientifico.</p> </div> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/topics/mountaineering" hreflang="it">Alpinismo</a> </li> </ul> <ul> <li class="field-item"> <a href="/it/member/umberto.silvestri" hreflang="it">Umberto Fausto Silvestri</a> </li> </ul> <div class="post-photo-credits"> <div > Walter Bonatti </div> </div> <div>Roma</div> <section id="comments" class="post-block post-comments"> <div class="post-block post-leave-comment"> <h3>Commenta</h3> <drupal-render-placeholder callback="comment.lazy_builders:renderForm" arguments="0=node&amp;1=1085&amp;2=field_commenti&amp;3=comment" token="1hkYSG9VS5ScPne616dq8H4mnstP-ZbWipGMYSR2XHA"></drupal-render-placeholder> </div> </section> <div> <div>Immagine 1</div> <div> <img src="/sites/default/files/2019-02/13Messner%20600.jpeg" width="600" height="340" alt="Reinhold Messner" typeof="foaf:Image" /> </div> </div> <div> <div>Parte 1</div> <div><p><strong>Reinhold Messner</strong> (Bressanone 17 Settembre 1944) è un alpinista, scalatore, esploratore e scrittore.</p> <p>Inizialmente salito alla ribalta nel mondo dell'alpinismo per aver riportato in auge l'arrampicata libera in un periodo nel quale era preponderante la progressione artificiale, rendendosi protagonista nel 1968 del primo VII grado in libera (seguendo la "linea logica") al Pilastro di Mezzo del Sass della Crusc.</p> <p>Il suo nome, legato a innumerevoli arrampicate ed esplorazioni, è per lo più noto al grande pubblico per essere stato il primo alpinista al mondo ad aver scalato tutte le quattordici cime del pianeta che superano gli 8000 metri  spesso da versanti o in condizioni di eccezionale difficoltà.</p> <p>Le sue innovazioni nell'arrampicata libera prima e nell'alpinismo di alta quota poi lo fanno figurare ai vertici dell'alpinismo internazionale a cavallo degli anni sessanta e settanta.</p></div> </div> <div> <div>Photo Credits 1</div> <div>Reinhold Messner</div> </div> <div> <div>Photo Credits 2</div> <div>??<br /><i class="fa fa-camera-retro"></i> ?</div> </div> <div> <div>Position</div> <div>27</div> </div> <span class="a2a_kit a2a_kit_size_32 addtoany_list" data-a2a-url="https://climbingspotfactory.com/it/article/umberto.silvestri/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-V" data-a2a-title="Storia dell&#039;alpinismo e degli uomini che hanno sfidato le montagne - Parte V"><a class="a2a_dd addtoany_share" href="https://www.addtoany.com/share#url=https%3A%2F%2Fclimbingspotfactory.com%2Fit%2Farticle%2Fumberto.silvestri%2Fstoria-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-V&amp;title=Storia%20dell%27alpinismo%20e%20degli%20uomini%20che%20hanno%20sfidato%20le%20montagne%20-%20Parte%20V"></a><a class="a2a_button_facebook"></a><a class="a2a_button_twitter"></a><a class="a2a_button_google_plus"></a><a class="a2a_button_pinterest"></a></span> <div> <article data-history-node-id="1086" role="article" about="/it/node/1086"> <div class="row"> <div class="col-md-6 text-left" > <span><div class="row"> <div class="col-md-1" style="font-size: 3.1em;"> <a href="/it/article/umberto.silvestri/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-IIV"><i class="fa fa-arrow-left"></i></a> </div> <div class="col-md-3 text-center"> <div> <article data-history-node-id="1068" role="article" about="/it/node/1068"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>4</span> / <span> <span>5</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> </div> <div class="col-md-8"> </div> </div> </span> </div> <div class="col-md-6 text-right" > </div> </div> </article> </div> <div> <article data-history-node-id="1086" role="article" about="/it/node/1086"> <span class="text-center" style="padding-bottom: 0; margin-bottom: 0; font-size: 1.1em; color: #3d3d3d;"> <strong> <span>Parte</span> </strong> <strong> <span>5</span> / <span> <span>5</span> <div class="text-center"> <a href="/it/dossier/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne"><i class="fa fa-list"></i></a> </div> </span> </strong> </span> </article> </div> Tue, 26 Feb 2019 21:41:49 +0000 umberto.silvestri 1085 at https://climbingspotfactory.com https://climbingspotfactory.com/it/article/umberto.silvestri/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-V#comments https://climbingspotfactory.com/it/article/umberto.silvestri/storia-dell-alpinismo-e-degli-uomini-che-hanno-sfidato-le-montagne-parte-V#comments